fbpx

Not

Palermo

Obiettivo dell’iniziativa quello di mettere al centro Palermo nello scenario della promozione e comunicazione del vino
Etica Distribuzione è presente con CLOTAIRE MICHAL, FATTORIA LA STRISCIA, FLAIBANI, GARAY, RONDELLI
Tornano a Palermo i vignaioli che stanno dettando tendenza e modificando la coscienza di consumo. Per tre giorni, dal 19 al 20 gennaio, ai Cantieri Culturali alla Zisa, più di cento piccoli produttori di vino naturale si raduneranno alle Tre Navate per raccontare la loro storia e i loro territori. “Not”, la rassegna dei Vini Franchi che darà la possibilità al pubblico di appasionati, alla stampa specializzata, agli addetti horeca e operatori, di degustare oltre 500 vini da tutta Italia e dall’estero frutto del modus operandi e vivendi che mette al centro la figura del vignaiolo e il rapporto di non interferenza sulla natura e la materia, sintetizzato nel messaggio della manifestazione “Do not modify. Do not interfere”.

Obiettivo dell’iniziativa quello di mettere al centro Palermo nello scenario della promozione e comunicazione del vino. “La nostra scommessa era spostare il baricentro di questo tipo di eventi al Sud, al centro del Mediterraneo, che sono sempre stati organizzati da Roma in su – commentano Giovanni Gagliardi e Franco Virga, due degli organizzatori di “Not” -. Palermo è una delle città più rock n’ roll d’Europa e si presta benissimo ad accogliere e a dare luce a fermenti e nuove idee, a parlare a tutti i consumatori, visitatori e viaggiatori, non solo siciliani. Ha un forte potere attrattivo e noi vogliamo valorizzarlo proprio in un mese di bassa stagione. Not è anche l’occasione per venire a scoprire gli immensi tesori che custodisce questa città ”.
Il palinsesto della seconda edizione prevede, oltre ai banchi di assaggio, tanti appuntamenti di confronto, laboratori e seminari tenuti da grandi personaggi del mondo del vino e dell’enogastronomia e dell’informazione di settore. Novità di quest’anno sarà il convengo “Apocalittici e integrati, questioni di prospettive sui vini naturali e dinamiche di consumo” al Cre.Zi.Plus, dalle 9,30 alle 16, che aprirà la prima giornata della rassegna. Si articolerà in diversi incontri, dal focus di mercato sui vini naturali e tendenze di consumo con le ricerche e le indagini del Master Masv dell’Unipa e di Nomisma/Wine Monitor, al talk con alcuni dei vignaioli rappresentanti del movimento culturale e produttivo dei vini naturali, Stefano Amerighi, Nino Barraco, Alessandro Dettori e Arianna Occhipinti, all’intervista di Sandro Sangiorgi, fondatore di Porthos edizioni, all’enologo Franco Giacosa.

Alle 16,30 ci sarà il taglio del nastro del salone vero e proprio. In contemporanea partiranno i seminari. Gli appassionati potranno approfondire gli antichi paradigmi produttivi con la degustazione di vini, salumi e formaggi naturali insieme a Mateja Gravner e Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità o andare alla scoperta della Champagne dei vignerons rècoltants in un viaggio condotto da Bernardo Conticelli, ambasciatore dello Champagne in Italia.

La seconda giornata proseguirà sempre con i banchi di assaggio e ancora laboratori, tra cui: il “Sapore, la Stoffa e il Senso del Luogo” di Sandro Sangiorgi e Matteo Gallello, la presentazione in calice in anteprima della ricerca sul Grillo condotta da Uva Sapiens, il confronto alla cieca di vini convenzionali e naturali nel laboratorio della giornalista Francesca Ciancio dal titolo ‘Allo Specchio’, il racconto delle storie, con assaggio di vini, raccolte nel libro l’Italia di vino in vino edito da Altraeconomia con le autrici Sonia Ricci e Diletta Sereni.

“Not” contaminerà la città nei giorni precedenti e della rassegna con il ciclo dei Not Off, cene e aperitivi in città e provincia a tema vino naturale e con i vignaioli. La rassegna è poi a portata di famiglia. Per consentire ai genitori di visitare il salone, il centro culturale polifunzionale dell’infanzia Skené ai Cantieri Culturali, nei suoi spazi antistanti le Tre Navate, organizzerà, gratuitamente, laboratori, letture e giochi a tema uva, vino e sostenibilità.