fbpx

Flaibani

Cividale del Friuli (UD)

Pino Flaibani, udinese di nascita, vive a Milano dove si occupa di stampa e giornali. Quando in seguito al terremoto del 1976 si reca in Friuli per aiutare la popolazione, nasce in lui il desiderio di ritornare nella terra natia.

Dopo pochi mesi trasferisce la famiglia a Cividale del Friuli, nella casa che tuttora è il cuore dell’azienda Flaibani, dove Pino inizia a curare la vigna nei fine settimana e a studiare per vinificare al meglio il vino. Dopo il pensionamento, il vino diventa la sua occupazione principale: la moglie Dorina, la nuora Bruna, i figli Maurizio e Michele lo aiutano a realizzare il suo sogno. Sarà poi Bruna a prendere in mano le redini dell’azienda e a proseguire il lavoro iniziato da Pino.

Le vigne si estendono su una superficie di circa 3 ettari collinari, orientati a sud, sud-ovest, circondati da 3 ettari di bosco; dal 2016 l’azienda è certificata biologica e utilizza preparati biodinamici, perché Bruna Flaibani è convinta che la qualità del vino sia profondamente legata al rispetto dell’ambiente e alle buone pratiche di agricoltura. Le vigne hanno dai 15 ai 70 anni, sono poste su terrazzamenti ripidi con un’ottima esposizione e producono tra i 35 e i 50 quintali di uva per ettaro.

L’ambizione dei Flaibani è di produrre solo vini di altissima qualità, tra i migliori del Friuli. La vendemmia viene fatta a mano e la pigiatura è fatta con il torchio, che aiuta a preservare nei vini le meravigliose caratteristiche originarie che altrimenti andrebbero perdute.
I vini bianchi vengono affinati in acciaio, quelli rossi riposano invece in botti di rovere per circa dieci mesi, trascorsi i quali i vini continuano l’affinamento in bottiglia. La metà della produzione annuale è di vino rosso, felicissima eccezione alla realtà vitivinicola friulana. Tra le varietà di uva, infatti, ben cinque sono a bacca rossa:
Schioppettino, Refosco dal Peduncolo Rosso, Cabernet Franc (Carmenère), Merlot e Cabernet Sauvignon.

Due sono le varietà di uva bianca: Pinot Grigio (vinificato ramato) e Friulano, proveniente in gran parte da vecchie viti di Tocai Giallo dal Peduncolo Rosso.

2017 “Riviere” DOP Bianco 0,75 x6 FLRI17
2018 Pinot Grigio Ramato DOP 0,75 x6 FLPG18

 

2016 Cabernet Franc DOP 0,75 x6 FLCF16
2014 Merlot IGP 0,75 x6 FLME14
2012 “Tentazione” DOP Rosso 0,75 x6 FLTE12
2013 Refosco dal Peduncolo Rosso IGP 0,75 x6 FLRP13
2009 Cabernet Sauvignon Riserva DOP 0,75 x6 FLCS09
2018 Schioppettino DOP 0,75 x6 FLSC18