fbpx

Domaine De L’Agramante

Sabran, Rodano

Domaine de l’Agramante nasce nel 2018 a Sabran, nel Rodano meridionale. Carlo La Rocca, giovane ingegnere siciliano trasferitosi in Francia prima per gli studi e poi per lavoro, dopo 15 anni di attività nel settore petrolchimico abbandona una carriera già avviata per seguire il proprio desiderio di libertà e le proprie inclinazioni fino a quel momento sopite.

Agramante è un personaggio molto evocativo nella vita di Carlo: Re d’Africa nell’ “Orlando Innamorato” di Ariosto, non solo simboleggia un continente selvaggio di cui il piccolo Carlo ha sempre sentito parlare nei racconti fantastici del padre, di ritorno dai suoi numerosi viaggi di lavoro, ma è anche un personaggio dei pupi siciliani, marionette che lo hanno accompagnato nell’infanzia.

La metamorfosi da ingegnere a vignaiolo inizia con due anni di studi a Beaune e con l’incontro dei Thibon-Maccagno, proprietari del Mas de Libian, una famiglia di vignaioli il cui sostegno è stato importante in termini d’esperienza, per la consolidazione del progetto aziendale e per il supporto materiale, al punto che per i due primi millesimes il Mas de Libian ha messo a disposizione la propria cantina.

Nel 2019 L’Agramante passa da 1,2 ha a 4,25 ha di vigneti posti su terrazze sabbio-limose dove Carlo pratica il sovescio per arricchire la terra. I trattamenti vengono effettuati con poltiglia bordolese e zolfo a seconda delle necessità. Le uve sono raccolte a mano in piccole cassette, permettendone un’accurata selezione. Dopo il diraspamento totale gli acini vengono parzialmente pigiati. Il mosto subisce rimontaggi quotidiani sino a fine fermentazione. La macerazione non eccede mai i 12 giorni e la sua durata dipende dell’annata e dall’espressività dei tannini. Successivamente alla fermentazione malolattica, che avviene spontaneamente, vengono ritirate le fecce grezze. Il vino matura a contatto con le fecce fini e si chiarifica per sedimentazione. Prima dell’imbottigliamento viene aggiunta una piccola quantità di solforosa (10/15 mg/l).

“Ciaüla” 2019 : 60% Grenache, 25% Syrah, 10% Cinsault, 5% Counoise. 12 giorni di macerazione sulle bucce, 8 mesi di affinamento in acciaio, assemblaggio delle parcelle prima dell’imbottigliamento, nessuna filtrazione nè chiarifica.

“M’Arricriu” 2019 : 35% Grenache, 25% Syrah, 25% Cinsault, 15% Counoise. 6 giorni di macerazione sulle bucce, 5 mesi di affinamento in acciaio, assemblaggio delle parcelle prima dell’imbottigliamento, nessuna filtrazione né chiarifica.

2019 “Ciaüla” Côtes-du-Rhône” AOC 0,75 x12 DACI19
2019 “M’Arricriu” Côtes-du-Rhône” AOC 0,75 x12 DAMA19