fbpx

Tomassetti

Castel Colonna (AN)

Quella di Andrea e Matteo Tomassetti, giovani fratelli marchigiani, è una storia di appartenenza: alla provincia anconetana da cui provengono ed alla Terra che hanno scelto di continuare a lavorare seguendo la tradizione familiare agricola ed artigiana nel rispetto dell’ambiente, senza l’utilizzo di chimica.


L’azienda Tomassetti nasce qualche generazione prima come produzione olivicola di qualità, ma è nel 2015 che i due fratelli, dopo percorsi formativi diversi, decidono di continuare a seguire gli oliveti implementandoli con la produzione di vino. I ragazzi prendono in gestione dei vecchi vigneti biologici di Trebbiano, Verdicchio e Sangiovese in un’area che va dai Colli di Jesi al pesarese, area di produzione del Bianchello del Metauro.

Tra vigne di proprietà ed in gestione, il patrimonio vitato dei Tomassetti raggiunge i 5ha ed è dislocato tra i comuni di Senigallia, Trecastelli, Corinaldo e Terre Roverasche: in un’epoca in cui gli effetti del cambiamento climatico si fanno sentire prepotentemente, la frammentazione delle vigne permette di salvaguardare il raccolto, ovviando ad eventi metereologici nefasti.

L’età degli impianti, allevati principalmente a Guyot, va dai 2 ai 60 anni: Andrea e Matteo se ne occupano rispettandone le singole caratteristiche ed intervenendo a seconda delle necessità dettate dall’annata con prodotti di derivazione naturale quali tisane di equiseto, preparati a base di ortica, cornosilice e Fladen.
I terreni sui quali poggiano le vigne sono molto diversi tra loro: sabbia ed arenaria, argilla, marna blu e medio impasto danno vita ogni anno ad uve con caratteristiche variegate con le quali giocare in fase di assemblaggio dei vini.


Mietitore, Cercanome, Balia, Fricò e Renudo cinque etichette, cinque vini diversi legati dal filo conduttore della genuinità, della schiettezza e della piacevolezza. Tutti i vini di Tomassetti sono ottenuti grazie all’accurata raccolta manuale in piccole cassette, alle fermentazioni spontanee ed alle maturazioni sulle fecce fini. 


2019  “Mietitore” Trebbiano bianco IGT 0,75 x12 TOMI19
2019 “Fricò” bianco IGT 0,75 x12 TOFR19
2018 “Cercanome” Verdicchio bianco IGT 0,75 X6 TOCE18

 

2020 “Balia” rosato IGT 0,75 x12 TOBA20

 

2019 “Renudo” Marche Sangiovese IGT 0,75 x12 TORE19